Ferie finite. Si torna in lab..

Il commercialista fa i conti per il fisco mica per l'impresa!! Il laboratorio odontotecnico non riesce a quantificare i costi di produzione protesica per ogni manufatto consegnato.

Leggi episodio precedente

AGOSTO

Con il chiodo fisso in testa passano i restanti giorni con la tua famiglia sulle spiaggie..ma gia’ da giorni non sei piu’ li’.

Ci vediamo a settembre ti aveva detto la signorina dal vetro della reception

mentre quel nodo allo stomaco ti chiamava come se ti implorasse di aprire quel pugno che lo stringeva.. ma che ancora non si scioglieva.

Quell’ idea in testa, almeno, ti dava una traccia sul dove andare, cosa fare.

Da li a prenotare un posto per il “Corso di Analisi dei costi di produzione” fu un attimo. Settembre era il mese giusto per iniziare. Il tuo cliente piu’ grosso, quello che ti aveva mandato i saluti di buone ferie tramite l’assistente, ovviamente non si faceva sentire…

Gia’ dalla prima serata capisti che non si poteva continuare senza un controllo di gestione riguardo i costi per fare denti. Ti accorgesti che nulla era sotto controllo e tutto era dato al caso…la tua via data al caso!!

Dopo il corso, sei serate faticose per la stanchezza della giornata lavorativa, sfogliare appunti e slide non era sufficiente per capire come imbastire un controllo di gestione adeguato e personalizzato al tuo laboratorio odontotecnico, visto che il corso si svolgeva su temi generali e cioe’ era rivolto a tutte le tipologie di imprese artigiane: metalmeccaniche, grafiche ecc.

Conto economico, stato patrimoniale, costi generali diretti, indiretti erano concetti sconosciuti prima del corso; lo erano ancora, ma adesso sentivi la necessità impellente di saperne di più. Sapere di più di controllo di gestione, cosa che i commercialisti normalmente non fanno.

I commercialisti fanno i conti a favore del fisco, mica dell’impresa!“diceva sempre il relatore del corso..

Il corso aveva avuto un costo relativamente basso ma rischiava di restare, insieme agli appunti, in un cassetto. Un altro tentativo coperto dalla polvere del tempo.

Rischiava.

Non era quello il momento di desistere e, preso il biglietto da visita, chiamasti il relatore del corso, un consulente economico-finanziario che, lavorava nella tua città.

Non guardasti nemmeno il preventivo per le sue prestazioni perchè, oramai, il tarlo dell’impellente esigenza di sapere obnubilava ogni altra attività intellettuale…

Il tuo pensiero fisso era: “Voglio sapere precisamente quanto mi resta dopo aver consegnato la protesi a Gaetano o a Alessandro!!”

Voglio sapere quanto vale la mia vita…”

Continua